Seleziona una pagina

Un ago rotto che vola negli occhi è il timore principale di chi cuce a macchina.
Chi ha vissuto questa brutta esperienza con le relative conseguenze spesso indossa occhiali protettivi. Per evitare che questo possa capitare anche a te è fondamentale conoscere i motivi principali per cui ciò si verifica e seguire alcuni suggerimenti.

  1. Evitare di tirare il tessuto
  2. Pulire la macchina per cucire
  3. Controlla l’ago regolarmente
  4. Utilizzare un ago per macchina da cucire di alta qualità

1. Evitare di tirare il tessuto

Questo è un errore spesso commesso anche dalle più esperte, magari perché così abituate, perché la macchina non trasporta bene il tessuto o perché distratte da musica, internet o dalla tv non riescono a sentire quando la macchina cambia rumore, un campanello di allarme importante. Il suono della macchina rivela sempre quando sta lavorando male o che qualcosa non va nel verso giusto. Tirando il tessuto si otterranno punti saltati, un ago piegato o rotto.

Di seguito viene mostrato il corretto posizionamento delle mani per evitare un ago rotto. Le griffe di trasporto o alimentazione del tessuto fanno scorrere la stoffa in modo uniforme e alla velocità corretta. Usa le mani solo per guidare il tessuto in modo che scorra correttamente sotto l’ago e non per farlo avanzare più velocemente, la macchina è in grado di gestire una certa velocità in base alle impostazioni date.

La macchina da cucire rompe gli aghi, come evitarlo

 

2. Pulire la macchina per cucire

Noi raccomandiamo di pulire la macchina almeno una volta al mese. In realtà dipende da quanto spesso la usi, dal filato e dal tipo di tessuto che stai utilizzando. Se si utilizza molto la macchina da cucire, potrebbe essere necessario pulirla più spesso anche con cadenza settimanale.

Materiali come feltro e pile lasciano cadere fibre corte che intasano l’area sotto la placca ago e i denti della griffa di alimentazione. Per goderti al meglio la tua esperienza di cucito e prolungare la vita della tua macchina da cucire puliscila regolarmente. Se non l’hai mai fatto prima, guarda uno dei nostri video qui sotto su come pulire la macchina da cucire.

3. Controlla l’ago regolarmente


Parlando per esperienza diretta, accumulata in oltre 60 anni nel mondo del cucito, quando si presenta un problema anche a noi capita di incolpare: la tensione del filo, il trasporto del tessuto, la stoffa e persino il filo…
La maggior parte delle volte, però, il problema può essere risolto semplicemente sostituendo l’ago con uno nuovo e di qualità.

Cambia spesso l’ago soprattutto dopo aver cucito tessuti spessi o con paillettes. Usa ago e filo appropriati per la stoffa su cui stai lavorando.

Spesso, prima che un ago si rompa succede che:
– Hai cucito sopra uno spillo o una cerniera;
– Cucendo su materiali doppi o pieghe spesso l’ago batte sul piedino o sulla piastrina di cucitura;
– L’ago batte sul crochet e si spunta (facci caso: cambia il suono ogni volta che entra nel tessuto);
– Il filo tende a sfilacciarsi;
– La macchina salta qualche punto;
– La cucitura ha un aspetto raggrinzito.

Una macchina da cucire pulita e ben oliata e un ago di buona qualità diminuiranno le possibilità di sgradevoli incidenti e prolungheranno la vita della macchina.
Migliorerà anche la soddisfazione del tuo cucito e soprattutto ridurrà le possibilità di ferire gli occhi.

4. Utilizzare un ago per macchina da cucire di alta qualità


Uno dei migliori aghi per macchine da cucire che usiamo nella nostra officina e che consigliamo alle nostre clienti è della marca Schmetz. Hanno aghi per qualsiasi tessuto che si adattano a tutte le marche e modelli di macchina da cucire, incluse Pfaff, Singer, Necchi e Juki, solo per citarne alcune.

Quali sono le tue esperienze con un ago rotto?
Raccontale nella sezione commenti qui sotto.